Blog

Vecchie, care e buone uova

Dopo una lungo periodo di tempo in cui non sono riuscita a scrivere nessun post per mancanza di tempo e, in parte, per le godute ferie, vorrei ricominciare parlando delle uova.

Intendo le comunissime uova di gallina che probabilmente la maggior parte di noi si ricorda di aver consumato fresche da bambino, a casa dei nonni, ma il medesimo discorso può valere per le uova di tutte le altre specie avicole. Infatti, non si osservano particolari differenze di composizione.

 

 

Perché utilizzare un post per parlare delle uova? Perché ritengo le uova, quelle "naturali" o veramente "biologiche", un alimento fondamentale della nostra alimentazione. Un alimento completo, ma che vedo essere spesso dimenticato...

Solitamente quando chiedo a un paziente se consuma abitualmente delle uova le risposte si dividono tra "una volta ogni 15 giorni" e "nei dolci"...

Spesso mi sono chiesta il motivo di questa dimenticanza: non so se il motivo risiede nella paura del "colesterolo alto" o è semplicemente una questione di gusti.

 

Soffermiamoci un po' sulle uova e sulla loro composizione. Innanzitutto pensiamo che esse contengono tutti i nutrienti necessari per lo sviluppo dell'embrione... tanto male quindi non si presentano!

Un uovo medio ha un peso di circa 60 grammi da suddividere tra guscio, albume e tuorlo.

Il guscio è costituito prevalentemente da carbonato di calcio e nella nostra dieta comune non viene utilizzato. In realtà viene introdotto nella dieta di alcune popolazioni che sono carenti di calcio.

Facendo una piccola ricerca su internet ho notato che il guscio dell'uovo viene spesso utilizzato per altri scopi che io personalmente non conoscevo. Per curiosità vi invito a curiosare in questi due siti: qui e qui!

L'albume dell'uovo è costituito prevalentemente da proteine e tracce di zuccheri, lipidi, sodio e potassio.

Il tuorlo, invece, contiene la quasi totalità dei lipidi e dei componenti liposolubili (per citarne una? La Vitamina D!!).

Inoltre contiene altri minerali come calcio, ferro e fosforo.

Per quanto riguarda i lipidi dell'uovo, essi sono costituiti in prevalenza da trigliceridi, in buona parte da fosfolipidi e per il 5% (solo il 5%) da colesterolo! Non mi soffermo a parlare nuovamente di colesterolo (per approfondire leggete qui).

Inoltre, se la gallina è stata alimentata in maniera corretta e naturale, le uova possono contenere anche una buona quantità di acidi grassi essenziali omega 3!

 

A mio parere questa presentazione cataloga l'uovo come un ottimo alimento e non giustifica il limite spesso suggerito del consumo massimo di 2 uova/settimana!

Inoltre, sembrerebbe che il consumo di uova per colazione comporta un senso maggiore di sazietà e un conseguente minor consumo calorico durante il resto della giornata (qui il link a questo piccolo studio).

Il consiglio è quello di considerare le uova al pari di qualsiasi altro sano alimento e introdurle all'interno della nostra dieta equilibrata e varia, introducendole anche a colazione qualche giorno a settimana!

 

Come ho anticipato sopra però la composizione di questo alimento può variare in base al tipo di alimentazione dell'animale (questo vale per le uova e per tutti gli altri animali, come più volte abbiamo ripetuto).

E' importante, dunque, porre attenzione alla provenienza di questo alimento. Qualora non abbiate alternative, cercate nel vostro supermercato le uova di provenienza biologica e imparate pertanto a leggere l'etichetta riportata sul guscio e sulla scatola.

A tal proposito, per maggiori informazioni vi invito a leggere questa pagina qui!

 

Qualora abbiate un po' più di tempo a disposizione cercate qualche piccolo contadino vicino a voi che venda le uova dei suoi animali! Sono molto più numerosi di quelli che pensiate!!!

 

 

Terminiamo con l'idea di una ricetta semplice che ci possa permettere di introdurre l'uovo nella nostra colazione (e quindi variare anche questo pasto): i pancake.

Non voglio proporre una delle mie ricette, ma vi rimando a un bellissimo blog, molto creativo e adatto anche a chi di voi soffre di sindrome dell'intestino irritabile...

Trovate in questa pagina (qui) la ricetta dei pancake alla zucca e i link per altre ricette di pancake.

 

 

 

Please reload

Altri articoli 

Omocisteina: cos'è e perché è utile considerarla nei problemi di subfertilità

1/10
Please reload

Dott.ssa Stefania Cocolo

Biologo nutrizionista

Nr. iscrizione ONB (sez A): 074866

P.IVA: 03527860120

Ricevo su appuntamento

Indirizzo: Via Cappellini 18, Gallarate VA

 

Telefono: +39 340 5572519

 

Email: stefania.cocolo@hotmail.com

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now